Migliori biotrituratori

Migliori biotrituratori

27 Novembre 2019 Off Di Tuttiprezzi

Se hai la passione per il giardinaggio, o possiedi un vasto terreno da tener pulito, ma è difficile da gestire, se è un problema smaltire tutti i detriti che si accumulano, come foglie, rami e tronchi e che occupano tanto spazio nel tuo giardino e non sai come smaltire tutti questi materiali, per renderti il lavoro più semplice, potresti prendere in considerazione l’idea di acquistare un biotrituratore.

Top 5: Biotrituratori

Top 1Top 2Top 3
Biotrituratore Bosch AXT RAPID 2200

Biotrituratore: Bosch

Biotrituratore IKRA EGN2500

Biotrituratore: IKRA

Biotrituratore Einhell GH-KS 2440

Biotrituratore: Einhell



Top 4 Top 5
Biotrituratore Bosch AXT 25 TC

Biotrituratore: Bosch TC


Biotrituratore Bosch AXT RAPID 2000

Biotrituratore: Bosch R.



Biotrituratore: Bosch AXT RAPID 2200

Scopri i migliori biotrituratori

Biotrituratore Bosch AXT RAPID 2200
Biotrituratore Bosch AXT RAPID 2200 Scopri il prezzo

Bosch è il miglior produttore per quanto riguarda gli articoli da giardinaggio.
Il biotrituratore è di colore verde e nero con alcuni particolari rossi, pesa 12 chili e ha una misura di 76 x 44,5 x 36,5 cm, ruote integrate e ha 2200 watt di potenza. Le sue lame sono in acciaio temperato e sono state realizzate con il laser, quindi sono molte affilate e resistenti e riescono a tagliuzzare e macinare tutto il materiale che viene introdotto.

Questo biotrituratore ha molti vantaggi, è molto facile da usare, grazie al suo imbuto e alla paletta convogliatrice che permettono di inserire tutto il materiale di riciclo da triturare con semplicità, e ottenere in una sola ora, fino a 90 chili di materiale biologico triturato. È dotato anche di ruote, consentendo in questo modo, di portarlo in qualsiasi angolo del vostro giardino senza sforzi. Il prezzo è elevato, ma per un un prodotto come questo, ma vale tutti i soldi pesi.
Ma ha anche i suoi svantaggi, infatti l’unica cosa negativa, ma che comunque è specificato nella confezione, è che non è provvisto di cavo. Non è consigliato per un impiego professionale, ma è ottimo per un utilizzo domestico.

Biotrituratore: IKRA EGN2500

Scopri i migliori biotrituratori

Biotrituratore IKRA EGN2500
Biotrituratore IKRA EGN2500 Scopri il prezzo

Ikra è un produttore meno conosciuto rispetto ad altri, ma che è riuscito a produrre un ottimo prodotto. Il biotrituratore è di colore grigio chiaro con alcuni particolari rossi, pesa 10 chili, misura 47x37x94 cm, è provvisto di ruote e ha 2500 watt di potenza. Esteticamente lascerà a desiderare, rispetto ad altri biotrituratori, ma è molto solido e resistente.
Ha una capienza di circa 50 litri, e riesce a frantumare rami con una larghezza di 4 centimetri. Ha una lama in acciaio temperato che permettere di durare più a lungo nel tempo e assicura un taglio preciso. Una volta spento si ha la possibilità di aprire l’apposito comparto per pulire le lame con facilità.

Inoltre tra i tanti vantaggi che abbiamo elencato, è provvisto di una funzione molto importante per la sicurezza di chi lo utilizza, infatti è dotato della funzione Non-stop, protezione anti-avviamento e interruttore a bassa tensione, in questo modo se un ramo s’incastra nelle lame, bloccandole, ed apriamo la tramoggia, anche se la macchina è accesa. La tramoggia serve per l’inserimento dei materiali di scarto e la fuoriscita di essi una volta triturati.

Ha una forma triangolare con la punta in giù, dove dalla parte più ampia entro i materiali di scarso e da quella più piccoli escono già frantumati. Rispetto a diversi biotrituratori con le stesse caratteristiche, questo ha un prezzo molto basso. È un po’ chiassoso, o comunque nella norma, ma se si utilizza per diverse ore può diventare sgradevole. Il cavo di alimentazione è corto, circa 15 centimetri. Non è consigliato per un utilizzo professionale.

Biotrituratore: Einhell GH-KS 2440

Scopri i migliori biotrituratori

Biotrituratore Einhell GH-KS 2440
Biotrituratore Einhell GH-KS 2440 Scopri il prezzo

Einhell è un produttore che da filo da torcere alle grandi marche, per la sua qualità di prodotti a prezzi contenuti. Einhell è un’ottima azienda tedesca, molto conosciuta a livello internazionale in quanto produce molti attrezzi ad uso manuale, elettrico e con motore a scoppio per utilizzarli nei lavori professionali e domestici.

È un’azienda tedesca che si è guadagnata la fama di essere un’ottima casa produttrice di prodotti affidabili, tecnologici e professionali. Grazie all’impegno e alla ricerca di nuove tecnologie da impiegare nei loro prodotti è diventata una delle marche più conosciute del settore. Il biotrituratore è di colore rosso con alcuni particolari neri, pesa 10 chili, è provvisto di ruote, due lame a doppio taglio, una tramoggia dotata di una chiusura di sicurezza e lame in gomma e ha 2400 watt di potenza. Riesce a frantumare rami con una larghezza di 4 centimetri. Anche questo prodotto, tra i tanti vantaggi, è dotato un pulsante per il motore che garantisce di poter utilizzare il biotrituratore con estrema cautela. Di contro come svantaggi, ha il problema, se così vogliamo chiamarlo, di non essere consigliato per un impiego professionale, ma è comunque ottimo per un utilizzo domestico.

Biotrituratore: Bosch AXT 25 TC

Scopri i migliori biotrituratori

Biotrituratore Bosch AXT 25 TC
Biotrituratore Bosch AXT 25 TC Scopri il prezzo

ll biotrituratore è di colore verde con alcuni particolari rossi e neri, pesa 30 chili e ha una misura di 77x 68 x 40 cm, ruote integrate e ha 2200 watt di potenza. Anche se è più grosso, rispetto a molti biotrituratori, grazie alle sue ruote in dotazione, diventa molto più semplice spostarlo. I vantaggi nell’acquistare questo biotrituratore sono tantissimi, infatti, è alla pari di uno professionale, in un’ora può sminuzzare fino 175 chili di materiale biologico.

È dotato di un impianto per il taglio a turbina rendendo la macchina più performante. L’apposito vano per contenere il materiale raccolto ha una capienza di circa 53 litri, il biotrituratore dà la possibilità di frantumare tutto il materiale senza il bisogno di differenziare e separare i vari materiali, come le foglie dalle radici. Molto utile a livello di sicurezza, è la sua particolare azione di far funzionare il biotrituratore solo quando il vano di raccolta è nello specifico suo alloggio, evitando di dover toccare le lame e causare incidenti. L’unico svantaggio è che rispetto ad altri prodotti, il suo prezzo è molto è elevato, ma dobbiamo anche considerare che è alla pari di molti prodotti professionali.

Biotrituratore: Bosch AXT RAPID 2000

Scopri i migliori biotrituratori

Biotrituratore Bosch AXT RAPID 2000
Biotrituratore Bosch AXT RAPID 2000 Scopri il prezzo

Bosch è leader nel settore, produce ottimi prodotti di alta qualità. Ha prodotto molti biotrituratori e questo è uno dei modelli da tenere in considerazione per chi non ha delle grandi pretese. Il biotrituratore è di colore verde con alcuni particolari rossi e neri, pesa 11,5 chili e ha una misura di 75,6 x 43,8 x 36 cm e delle ruote integrate.

È un prodotto di fascia media. È dotato di un vano per introdurre il materiale di scarto molto grande e comodo da utilizzare per facilitare il lavoro. È molto facile da usare, ma non è consigliato per grandi giardini e per un utilizzo professionale. Il prezzo è elevato, ma qui si parla di Bosch, quindi ottimi materiali e prodotti ben fatti. Ha molti vantaggi che posso convincere ad acquistare questo prodotto, come la sua leggerezza e la facilità di utilizzo, le sue lame in acciaio temperato molto taglienti realizzate con il laser per dare ottimi risultati, è molto leggera e facile da spostare, ma ha anche i suoi svantaggi, infatti non è adatto per vasti giardini e il suo prezzo è più elevato rispetto ad altri biotrituratori con le sue caratteristiche.

Biotrituratore cos’è?

Penserai che sia troppo costoso, e che spendere tutti questi soldi per avere una macchina imgombrante che serve solo a pulire il tuo giardino dalle foglie secche sia una spesa inutile e che con un rastello potresti avere lo stesso risultato. Ma ti sbagli, perché il biotrituratore non è un semplice attrezzo che libera il tuo gradino dalle foglie, ma ha tantissime funzioni e potrebbe essere un’ottima soluzione a tutti i tuoi problemi. Leggendo questo articolo sui biotrituratori, potrai capire a pieno tutte le sue funzioni e di cosa è in grado di fare, facendoti ricredere sul fatto che è solo una macchina in grado di raccogliere le foglie secche. Per prima cosa cerchiamo di capire bene cos’è e cosa fa un biotrituratore.

Il biotritiratore è una macchina che tritura, sbriciola e riduce in piccoli pezzi, tutti i componenti bio quindi viventi che si trovano in natura, come si può ben capire, può solo triturare i materiali biologici che produce il tuo giardino, di conseguenza non può triturare le cose non animate, come per esempio i sassi. Una volta capito cosa fa e non fa il biotrituratore, è più facile stabilire cosa può o non può frantumare.

Cosa fa un biotrituratore

Il biotrituratore, non fa altro che ridurre in piccoli pezzi tutti i vari componenti di piante e alberi, come radici, foglie e rami e altri componenti che normalmente si trovano nell’ambiente, per far sì che occupino meno spazio, ma non solo, infatti riducendo in frantumi tutti questi componenti, possiamo produrre fertilizzante per il terreno, legname per poter fare il cippato o altro. Quindi è logico che le piccole pietre non posso essere utilizzate.
Tutti i vari componenti di piante e alberi, in questo modo, verranno trasformati per produrre tutte quelle sostanze che servono ad aiutare il terreno a dare vita a nuove piante. In questo modo niente andrà sprecato, riciclando tutti gli scarti che il nostro giardino produce. Dando modo di riutilizzare gli scarti del giardino per ridare vita anche a terreni sterili, concimandoli con sostanze naturali.

Cosa può frantumare un biotrituratore

Basta introdurre tutti gli elementi che si vogliono frantumare, come rami, tronchi e foglie, nell’apposito vano del biotrituratore, e poi da lì, verranno ridotti in piccolissimi pezzi da delle lame molto taglienti che ruotano ad un’elevata velocità, ed infine verranno espulsi per essere utilizzati per tutte le vostre esigenze. Quindi grazie a delle lame taglienti che ruotano velocemente, il biotrituratore è in grado di frantumare tutto il materiale organico.

Per agevolare il lavoro e farlo bene, è consigliabile utilizzare il biotrituratore insieme ad altri arnesi come il rastrello o un arieggiatore. Questi attrezzi vi aiuteranno ad ammassare nello stesso posto tutti i detriti, facilitando l’inserimento dei rami e tutti gli elementi nel biotrituratore. Questi strumenti posso facilitare tantissimo il tuo lavoro se possiedi un grande giardino o un terreno molto vasto da gestire, riducendo le ore di lavoro.

Funzioni del biotrituratore

Ancora non sei convinto, e starai pensando che forse è una spesa eccessiva acquistare un biotrituratore solo per triturare i materiali organici di scarto, ma non è così, il biotrituratore non fa solo quello!
Il biotrituratore ha diverse funzioni, infatti riduce lo spazio che questi materiali occupano, come le foglie secche che cadono dagli alberi e che si accumulano e che occupano uno spazio non indifferente del giardino. Realizza materiale da combustione per stufe e cammini, e aiutare ad essere più efficiente la compostiera che sia a cumulo o no.

Come vedi il biotrituratore può essere impiegato per tanti lavori, l’importante capire nel dettaglio cosa si può o non si può fare per non rischiare di danneggiarlo o farlo smettere di funzionare.
Aiuta a ridurre lo spazio occupato da questi detriti, spesso in autunno le foglie secche che cadono dagli alberi, possono diventare un vero problema occupando grandi spazi e raggiungendo notevoli altezze anche se pesano pochissimo.
Quindi possiamo immaginare che problemi provocano tutte queste foglie che si accumulano sul nostro giardino e sul vialetto. Potremmo usare l’arieggiatore per raggrupparle in un unico posto, e alcuni di questi sono dotati di una struttura per poterle frantumare, ma attenzione può solo sminuzzare le foglie, quindi non è in grado di sminuzzare radici, rami e tronchi per farlo avrai sempre bisogno di un biotrituratore.

Funzioni del biotrituratore

Il biotrituratore, come abbiamo già detto, produce anche il cippato, consentendoci di risparmiare delle cifre non indifferenti.
Il cippato, è composto da piccole scaglie di legno di pochi centimetri, la misura delle scaglie varia in base ai suoi impieghi, come per esempio, sostituire il carbone per il barbecue, per le nostre arrostite di carne o pesce, in famiglia con amici e parenti.
Addirittura se ne creiamo in grandi quantità, potremmo pensare di venderlo, ammortizzando così, le spese per l’acquisto del biotrituratore.

Il cippato è migliore quando la legna che si utilizza per la sua produzione è secca, quindi se utilizzi rami secchi avrai un ottimo cippato, ma ti consiglio di fare una ricerca più approfondita sul web, anche per poter utilizzare al meglio il biotrituratore.

Utilizzo del biotrituratore

Il biotrituratore, è molto versatile, ha tanti utilizzi ecco perché il suo prezzo sul mercato è abbastanza elevato. È uno strumento davvero utile, non solo per chi vuole tenere il giardino o il proprio terreno sempre in ordine e fertilizzato. Ma anche per le persone che tengono molto al rispetto dell’ambiente. Infatti, grazie al biotrituratore, saremo in grado di ottimizzare al meglio la nostra compostiera. Potremmo smaltire tutti gli scarti organici che produciamo durante la giornata a casa, come l’umido, recuperandoli e trasformandoli in componente organico per il terreno.

La compostiera è molto facile da realizzare in casa, sarebbe una cosa carina da fare con i bambini, in questo modo possiamo abituare i nostri figli a riciclare e sensibilizzarli al problema dell’ambiente.
Una cosa fondamentale da fare per chi ha una compostiera, è ossigenarla, dando così la possibilità ai vari agenti naturali come insetti e funghi di fare il loro lavoro, e trasformare i residui organici in fertilizzante per il nostro terreno. Sul mercato si trovano differenti modelli di biotrituratori, elettrico o con motore a scoppio, ma la loro differenza sostanziale, è data solo dalla differenza del motore e dai watt di potenza.

Struttura del biotrituratore

Il biotrituratore e provvisto di due parti, una situata nella parte alta e una nella parte bassa, che si aprono, permettendo l’inserimento dei materiali e l’uscita delle scaglie di legno e di tutto il materiale frantumato.
La parte alta è più ampia e consente di introdurre con facilità i materiali di scarto di ogni grandezza, come grossi rami. Dopo aver introdotto i vari materiali, mediante l’apposita apertura, le lame frantumano tutto il materiale riducendo in piccoli pezzi.

Essendo le lame molto taglienti, è sempre consigliabile usare dei guanti da lavoro e cercare si stare lontani da esse. Nella parte bassa, invece, fuoriesce il prodotto triturato.

Modelli di biotrituratore

Esistono diversi modelli, specie e dimensioni di biotrituratori, posso essere utilizzati per lavori domestici o professionali in base alle vostre necessità e uso.
Anche il produttore è molto importante nella scelta dell’acquisto di un biotrituratore, esistono molte marche che producono queste macchine, ma bisogna stare attenti per evitare di acquistare prodotti scadenti con materiali non idonei alle normative vigenti. Per fortuna, sul mercato esisto molti marchi leader nel settore che producono ottimi prodotti molto competitivi nel settore.

Esistono diversi tipi di biotrituratori in commercio, variano per dimensione, colore, tipo ed il loro utilizzo che sia professionale o per uso domestico e sistema di taglio come quello a turbina, a rullo o a lame. Ma la loro caratteristica che li differenzia fondamentalmente è una, ed è il motore. Infatti il motore può essere elettrico o un motore a scoppio, questa differenza è molto importante per le prestazioni del biotrituratore.
Bisogna valutare tutte le funzioni e le varie caratteristiche di un biotrituratore primo di effettuare l’acquisto per capire se può essere utile alle nostre esigenze. Una di queste è sicuramente la funzione di taglio. Ci sono vari metodi di taglio, quello a turbina, a rullo e a lame.

Funzione dei taglio del biotrituratore

Il metodo di taglio a turbina è quello con cui si ottengono i maggiori, consente a chi usa questa macchina di frantumare senza difficoltà quasi tutti i tipi di piante, che siano verdi o secche, con tronchi più o meno resistenti. Questo metodo di taglio rispetto ad altri favorisce di poter frantumare maggiori quantità di scarti grazie al fatto che sminuzzando più finemente tutti gli scarti il vano di raccolta del biotrituratore prima di riempiersi impiegherà più tempo. Date le sue prestazioni, il biotrituratore a turbina è adatto per chi possiede grandi giardini. La turbina con il suo movimento rotatorio, crea anche una sorta di vortice che favorisce l’inserimento di foglie e materiali di piccole dimensioni. Un altro aspetto molto interessante di questo metodo di taglio è la silenziosità. Questo tipo di taglio a turbina è adatto ad un uso professionale.

Taglio a rullo biotrituratore

Il metodo di taglio a rullo è più consigliato per chi ha un giardino con le siepi, in quanto il taglio ha rullo non riesce molto bene a sminuzzare piccoli residui come le foglie. E’ dotato di un sistema d’inversione per poter liberare le lame nel caso in cui la macchina dovesse incepparsi e come la turbina è molto silenzioso.

Taglio a lame biotrituratore

Il metodo di taglio a lame, sicuramente è adatto ad un uso domestico, per chi ha piccoli giardini, rispetto ai precedenti metodi citati, questo non è adatto ad un impiego professionale, quindi non riesce a sminuzzare rami di grosse dimensioni ed è molto più rumoroso.
Ma la caratteristica più importante da valutare per la scelta di un biotrituratore è la differenza del motore.

Differenze del biotrituratore con motore a scoppio e motore elettrico

Infatti abbiamo due tipi di motore quello elettrico che funzione tramite la corrente elettrica e quello a scoppio che ha bisogno della benzina per poter essere messo in funzione. Tra quello elettrico e il motore a scoppio, oltre al prezzo e l’alimentazione, ci sono delle differenze, cominciamo a dire che il biotrituratore con il motore elettrico, è più adatto a dei lavori domestici, per la pulizia di piccoli giardini, in quanto avendo meno potenza, non riescono a sminuzzare grandi quantità di materiali organici e di grosse dimensioni, anche se esistono in commercio alcuni biotrituratori che riesco a frantumare materiale con una larghezza di circa 3 cm.

Hanno un prezzo inferiore rispetto ai biotrituratori con un motore a scoppio, questo è dovuto al fatto che il suo funzionamento è dato dalla presa elettrica. Anche il loro volume è inferiore rispetto ai biotrituratore con il motore a scoppio, rendendoli molto più leggeri e maneggevoli e facilmente trasportabili da un luogo all’altro, anche se dobbiamo considerare sempre la lunghetta del cavo di alimentazione, infatti in base alla sua lunghezza potremmo valutare fino a quanto è possibile spostarci ed in caso decidere di acquistare o meno una prolunga.

Quindi si può ben capire, che il i prodotti con il motore a scoppio hanno un prezzo molto più elevato, che raggiungere anche i mille euro, se prendiamo in considerazione un biotrituratore professionale. Ma se possiedi grandi appezzamenti di terreni, la spesa si potrebbe ammortizzare nel tempo, producendo e vendendo i materiali prodotti.

Grazie al motore a scoppio, questi biotrituratori superano di gran lunga quelle elettriche nell’ambito energetico, ecco perché sono consigliate per un uso più professionale. Riescono a sminuzzare materiali con un’ampiezza di 6 cm, ma sono molto più pesanti e meno maneggevoli rispetto ad un biotrituratore elettrico.

Manutenzione biotrituratore

Altra differenza molto importante tra un biotrituratore elettrico da quello con motore a scoppio è la manutenzione.
Infatti, il primo avendo un uso domestico necessita di meno cure rispetto al secondo, questo è un fattore molto importante da valutare, prima di effettuare l’acquisto, perché in base alle vostre scelte, questo influirà sulle vostre finanze.
Per una corretta cura del prodotto bisogna sempre tener conto delle indicazioni riportate nel manuale d’istruzioni, leggendolo attentamente e seguendo tutti consigli, ad esempio se nel manuale viene indicato una certa dimensione del materiale da frantumare, attenersi a quelle indicazioni per rischiare di danneggiare il funzionamento del biotrituratore.

Emissione del rumore tra i vari modelli di biotrituratori

Anche l’emissione di rumore è da tenere in considerazione. Il motore a scoppio è tendenzialmente molto più rumoroso rispetto a quello elettrico, infatti l’inquinamento acustico generato da queste macchine non è indifferente, anche quello generato da un motore elettrico supera la soglia consentita.
Quindi bisogna stare attenti a non disturbare il vicinato, senza considerare il fatto che potrebbe essere irritante anche per te e per la tua famiglia tutto questo rumore, e a meno che tu non abiti in una zona molto isolata, dovrai valutare anche questo fattore prima di acquistarne uno, comunque sia dovrai sempre una cuffia per proteggere il tuo udito.

Avendo già un motore che ha un peso abbastanza rilevante, un fattore da tenere in considerazione è il materiale con cui sono costruiti. La maggior parte di essi sono prodotti con dei materiali plastici, ottimi per facilitare il trasporto essendo un materiale molto leggero senza considerare che è anche economico e robusto. Ed essendo in alcune parti trasparenti dà la possibilità di vedere cosa accade dentro la macchina per poter intervenire in caso di guasti o altro.

Dato che il biotrituratore ha un costo non indifferente, bisogna averne molta cura, in moda da poterlo utilizzare per molti anni senza che si guasti. Quindi dobbiamo prenderci il compito, di tenere in buono stato il nostro biotrituratore e farlo funzionare nel tempo.
Bisogna tener conto delle istruzioni contenute nel manuale per la manutenzione fornito con il prodotto e attenersi minuziosamente a tutto ciò che è riporto in esso. Le istruzioni non sono valide per tutti i tipi di prodotti, dato che ogni biotrituratore si differenzia da un altro.

Quindi, bisogna prima di tutto seguire le istruzioni riportate nel manuale per la frantumazione dei rami, rispettando le dimensioni e la grandezza riportate, in quanto si potrebbero rovinare, scipare o addirittura guastare le lame, rendendo necessario l’acquisto di nuove lame e il loro rimpiazzo affrontando una spesa dispendiosa per le vostre finanze.

Eficenza del biotrituratore

Per far sì che il nostro biotrituratore, lavori sempre al pieno della sua efficienza, necessita di tanto in tanto di un controllo alle lame, per tenere le lame in buono stato e taglienti, per avere sempre un ottimo funzionamento ed un risultato perfetto.
Per questo, appena ti accorgi che le lame non tagliano perfettamente, bisogno provvedere alla loro manutenzione. Oltre alle lame, si deve fare attenzione alla pulizia generale del prodotto.

Per tenerlo sempre funzionante ed in condizioni eccellenti è opportuno mantenere il biotrituratore sempre pulito, cercando di togliere residui di materiale organico rimasto incastrato e usando prodotti adatti al mantenimento del biotrituratore. Nel caso si verifichi un guasto, e di conseguenza, siate costretti alla sostituzione di alcuni componenti, cercate sempre di acquistare sempre elementi originali e di rivolgersi a persone qualificate e autorizzate alla sostituzione, anche potrebbe essere più costoso, rispetto all’acquisto di pezzi non originali, ma così facendo non si rischia di invalidare la garanzia o danneggiare il biotrituratore usando pezzi non conformi.

Garanzia biotrituratore

Un fattore da tenere in considerazione e che può farti molto comodo, è la garanzia. Infatti una garanzia con una durata di 12 o superiore, può agevolarti nella manutenzione e la sostituzione di pezzi nel caso in cui il biotrituratore dovesse guastarsi o danneggiarsi, ogni volta che se ne ha necessità, senza dover affrontare spese eccessive.
Quando si acquista un biotrituratore, un suggerimento molto utile, è quello di farsi dare indicazioni da chi ti sta vendendo il prodotto, su come mantenerlo in ottimo stato negli anni.

Anche se a differenza di quello con il motore a scoppio, il biotrituratore elettrico necessita di una minore cura, devi comunque attenerti alle istruzioni riportate sul manuale per mantenerlo sempre funzionante.
Una volta che abbiamo finito di utilizzare il biotrituratore, è sempre preferibile conservarlo, in un posto riparato dalle intemperie e al chiuso, lontano dalla pioggia e dai posti bagnati ed umidi. Inoltre non dimenticate mai di togliere la spina una volta che avete finiti di utilizzarlo.

Rischi che puoi correre con un biotrituratore

Il biotrituratore non è poi un attrezzo che può provocare grandi rischi per la vostra incolumità, rispetto ad altri utensili da giardinaggio. Ma comunque sia bisogna stare attenti, è pur sempre dotata di lame molto taglienti, che sono in grado di potare alberi con rami di grandi dimensioni, quindi per alcuni lavori un po’ più difficoltosi è sempre consigliabile rivolgersi a personale accreditato e competente, sappia fare al meglio il lavoro seguendo tutte le norme di sicurezza.

Quando prendi in considerazione di acquistare un biotrituratore, devi sempre tenere in considerazione la sicurezza, ormai, in commercio ci sono molti biotrituratori con funzionalità di serie, che permettono di salvaguardare la nostra incolumità. Quindi presta molta accuratezza alle funzionalità sono di serie e quali no.
Esistono biotrturatore che hanno le lame montate all’interno della macchina, in modo da proteggere chi la sta usando. Altre sono dotate di meccanismi che non consentono l’avvio della macchina se il cesto per raccolta dei detriti non è inserito, garante la sicurezza di chi lo utilizza. Altro strumento utile che garantisce la nostra sicurezza è la paletta convogliatrice, che ci aiuta a incanalare nel vano dove vengono frantumati i materi, quei piccoli residui come le erbacce senza doverle spingere con le mani.

Direttive per un uso sicuro del biotrituratore

Le direttive per usare il biotrituratore in sicurezza, sono poche e semplici da seguire:

  • Quando il biotrituratore è in funzione i bambini devono stare lontani e per nessun motivo devono e possono usarlo.
  • Prima di mettere in funzione il biotrituratore, è sempre meglio accettarsi che tutte le sue parti siano complete, intatte senza danni, assicurandosi ogni sua parte sia ben fissata, basta anche una vite non perfettamente fissata, per provocare dei danni all’apparecchio e a voi stessi.
  • Prima di azionarlo accertarsi sempre che si trovi in una zona pianeggiante, levigata e non bagnata o umida, per impedire il capovolgimento del biotrituratore e incorrere a slittamenti. Utilizzarlo sempre in zona aperta e spaziosa, lontana da ostacoli come muri o altro.
  • È consigliabile indossare sempre abiti idonei a lavoro che si sta svolgendo, indossando sempre gli occhiali di protezione, per evitare spiacevoli incidenti che possono trasformarsi in veri e propri infortuni permanenti. Infatti indossando gli occhiali protettivi si evitano possibili schegge che potrebbero conficcarsi nell’occhio a causa dell’eccessiva rapidità con cui il biotrituratore frantuma i rami.
  • Indossare sempre dei guanti per proteggere le mani e tenerle il più possibile lontane dalle lame, basta una minima distrazione per tagliarsi un dito e causare danni maggiori.
  • Anche il frastuono che genera il biotrituratore può essere, a lungo andare, infatti può essere dannoso per la nostra salute, provocando la sordità, quindi è sempre consigliabile indossare delle cuffie per tutelare e preservare ed il vostro udito.
  • Usare con estrema cautela il biotrituratore, evitando di introdurre materiali non idonei alla triturazione come pietre e simili, in quando, non solo rischiate di danneggiare irreparabilmente l’attrezzo, ma rischiate anche di provocare infortuni a voi e alle persone nei pareggi anche gravi. Quindi fai molta attenzione a cosa introduci nel biotrituratore.
  • Spegnere il biotrituratore quando non viene utilizzato, quando viene pulito si sposta, si fa manutenzione cambiando le lame e altre parti meccaniche, assicurandosi di togliere anche la corrente. Nel complesso il biotrituratore non è un attrezzo dannoso, ma necessita sempre di manutenzione ed opportuno che lo si utilizzi sempre cercando di rispettare e seguire tutti i criteri salvaguardia per la nostra incolumità e quelle delle altre persone che si potrebbero trovare nelle vicinanze.

Abbiamo già scritto in precedenza, che ci sono diversi tipi di biotrituratori ed in base le loro caratteristica il prezzo si differenzia moltissimo. Quelli più costosi, sono quelli ad uso professionale, a differenza dei biotrituratori che vengono utilizzati per dei lavori più caserecci, che quindi costano meno e non hanno bisogno di tante cure per il loro funzionamento.

Costo del biotrituratore

Il loro costo si può differenziare molto, ma possiamo trovare ottime occasioni di modelli abbastanza nuovi sia online che nei vari rivenditori di biotrituratori. Si potrebbe optare anche per l’acquisto di un biotrituratore usato, se le vostre finanze non vi permettono di acquistarne uno nuovo, ma ne volete uno per agevolarvi nella vostra mansione di manutenzione del vostro giardino.

Se acquisti un biotrituratore usato

A tal proposito, prima di effettuare l’acquisto di un biotrituratore di seconda mano, è necessario fare attenzione ad alcuni particolari. Se hai la possibilità, prima di acquistare un biotrituratore di seconda mano, incontra il venditore, e chiedi di vedere la macchina, in modo da renderti conto delle effettive condizioni esteriori e meccaniche. Accertatati se è ancora provvista di garanzia, se ha avuto dei gusti in passato, se sono stati rimpiazzati dei pezzi con ricambi originali o no, tutte queste accortezze possono aitanti a capire lo stato della macchina e a stabilire un prezzo equo per il suo valore, facendoti risparmiare sul costo iniziale.

Ma se non vuoi rischiare di trovarti con una macchina usata che periodicamente ti crei problemi, e quindi ripararla spesso, allora è meglio acquistare un biotrituratore nuovo.
Sul web e negli store, ci sono tantissime offerte e tipi di macchine diverse, ma state attenti, anche tra le offerte si può celare la truffa. Prima di acquistare online, è sempre opportuno, leggere tutte i commenti positivi ma anche quelli negativi, per poter capire se il prodotto è adatto alle tue esigenze.

Sul mercato si trovano tanti tipi di biotrituratori, venduti da tante aziende diverse nel settore, ma non tutte sono ottime aziende e di conseguenza non tutti i biotrituratori sono dei buoni prodotti. Per questo motivo, non dovresti acquistare il primo biotrituratore in offerta che trovi online, ma dovresti seguire tutte le indicazioni che ti abbiamo fornito in precedenza, e se i commenti sono positivi e l’articolo soddisfa tutte le tue esigenze, solo in quel momento puoi valutare l’acquisto presso un’azienda che non è affermata nel mercato.

Conclusioni sul biotrituratore

Dopo tutte queste spiegazioni di come il biotrituratore può aiutarti nel tenere pulito ed in ordine il tuo giardino, di come tritura tutti i materiali organici per poter fertilizzare il tuo terreno ed avere sempre a disposizione del materiale per la combustione e che potresti vendere per rifarti dei costi della macchina, dopo averti spiegato la differenza che ci sono tra i biotrituratori e i vari tipi più o meno performanti con le loro caratteristiche, vantaggi e svantaggi dei modelli più conosciuti nel settore.

La differenza tra quelli con un motore a scoppio ed uno elettrico, quali sono più adatti per un uso professionale o per un uso domestico per tenere pulito il tuo giardino di casa, i metodi di taglio che può effettuare un biotrituratore, su come poter risparmiare senza però acquisire prodotti scadenti, valutando anche le opzioni online e averti dato i consigli su come mantenere in buone condizioni il tuo biotrituratore nel tempo.

Seguendo tutte le istruzioni indicate nel manuale d’istruzione per tenere pulita ed in buono stato la macchina, senza tralasciare le istruzioni sulla tua sicurezza, possiamo solo sperare che tu possa trovare l’offerta più vantaggiosa per acquistare il tuo biotrituratore, per facilitare il tuo lavoro nella gestione e manutenzione del tuo giardino senza troppa fatica e che grazie anche ai nostri consigli tu sia soddisfatto!